Basta un’immagine

#DISTANTIMAUNITI #UNITISIVINCE

Per me, uno strano animale non sempre ‘sociale’, e che ha sempre pensato che la retorica sia una delle vere malattie dell’Italia, sono parole complicate.

Ma tant’è, forse in questo momento è giusto dirle.

Sono giorni difficili, con la maggior parte delle persone chiuse in casa a rimuginare sul com’è e sul come sarà.

Giorni tristi, senza potersi incontrare, senza poter fare le cose che prima ti sembravano normali, o addirittura noiose, e che adesso non vedi l’ora di poter ricominciare.

Anche per chi ancora lavora non è semplice, tra la paure di essere contagiati o contagiare chi ti sta vicino, e quella per le attività che arrancano tra mille problemi.

Ma alle volte basta un’immagine per farti cambiare prospettiva, per farti capire qual è la vera essenza di quello che fai tutti i giorni, alle volte senza pensarci, meccanicamente trascinati dal ritmo frenetico del lavoro.

E l’immagine è quella sopra, di una comunità che non si arrende, che nonostante il milione di pensieri che attraversano la testa ha voglia di mettersi una maglia, quella in cui si riconosce, e farsi una fotografia, da condividere, da mettere insieme a quella degli altri.

Per combattere la paura, la depressione, la noia – tutti insieme, parti di una cosa in cui credono – meno soli.

Ecco, ho sempre creduto che l’essenza del nostro lavoro fosse quella, aiutare a creare comunità.

Certo, solo attraverso i simboli – le maglie, gli stemmi, le bandiere – ma alle volte dai simboli bisogna partire, per riconoscersi e farsi riconoscere dagli altri.

Per le associazioni, e per le aziende che a modo loro sono anch’esse comunità – o perlomeno dovrebbero esserlo.

Certo, in questa costruzione noi ci mettiamo solo qualche mattone, ma sono mattoni importanti, e quelle foto lo dimostrano.

Ogni gruppo ha bisogno delle sue uniformi, e noi in questo gioco ci mettiamo professionalità, pazienza e ricerca.

Tante prove, alcune volte arrabbiandosi per un risultato che tarda a venire, ma alla fine (quasi sempre) con la soddisfazione di vedere le persone contente e sorridenti nelle loro nuove divise.

E anche se, come adesso, capita di guardare al futuro con tante incertezze, alle volte basta un’immagine per cambiare tutto, per farti capire che in fondo quello che fai è importante – per te e per gli altri.

Per darti un motivo per credere, per ricominciare.

E a questo punto (perdonatemi per la retorica) è giusto dirlo: bravi ragazzi del Borgo San Lazzaro!

#distantimauniti

Coraggio a tutti! Ce la farete, ne sono sicuro.

Potresti leggere anche